Come verniciare le piastrelle: Rinnovare il bagno senza fatica

Pitturare i muri è un conto, ma come dovresti comportarti se vuoi verniciare le piastrelle del bagno?

Niente di più semplice!

Grazie ai nostri consigli scoprirai tutte le tecniche che usiamo noi professionisti di MG Tinteggiature nella zona di Milano e Bergamo da oltre 30 anni.

I motivi per cui stai decidendo di rinnovare il bagno di casa possono essere molti:

  • Una ristrutturazione,
  • Un problema di perdite o umidità,
  • La semplice voglia di cambiare.

 

In ogni caso ciò di cui avrai bisogno per ottenere un risultato professionale sono gli strumenti adatti e le tecniche giuste. Oltre che una buona dose di olio di gomito.

Se stai cercando un’impresa affidabile e capace per rinnovare gli ambienti della tua abitazione e abiti nella zona di Bergamo e Milano, contattaci.

Se invece vuoi verniciare le piastrelle del bagno di casa tua personalmente, preparati a farlo a regola d’arte… Andiamo!

 

Strumenti e vernici per pitturare le piastrelle

La prima cosa da tenere a mente se vuoi verniciare le piastrelle del bagno come un vero professionista è che bisogna utilizzare gli strumenti adatti.

Un esperto sa riconoscere il valore dei giusti supporti, per non doversi accontentare di un risultato approssimativo, ma anzi per eseguire il miglior lavoro possibile.

Innanzitutto la sicurezza! Per questa guida abbiamo preso in esempio dei lavori che prevedono l’utilizzo di sostanze tossiche. Quindi raccomandiamo di utilizzare assolutamente dei guanti adatti e una mascherina per vernici.

Per il lavoro pratico invece utilizzeremo come base il preparatore organico Keragrip Eco Pulep, utile sia per pulire che per far aderire meglio la vernice. Lo applicheremo con un normale straccio di cotone.

Dopodiché avremo bisogno della nostra pittura, che in questo caso sarà una micro-resina all’acqua bi-componente di Kerakoll.

Per applicarlo verranno utilizzati un rullo di spugna e un pennello da calorifero.

 

Consigli pratici per verniciare le piastrelle del bagno

Se vogliamo pitturare le piastrelle del nostro bagno a regola d’arte ci sono dei trucchi del mestiere che possono tornarci utili.

Innanzitutto i professionisti lavorano nel pulito, è importante che tutte le superfici siano sgombre da polvere e sporcizia.

Dal momento che stiamo lavorando con la pittura inoltre è buona abitudine coprire con precisione tutto ciò che non deve essere verniciato.  Utilizzare giornali o vecchi teli per coprire sanitari, pavimento e ogni superficie che deve rimanere protetta. È anche un modo per lavorare più agevolmente.

Un altro consiglio che non ci stancheremo mai di ripetere è la rotazione del rullo in uscita dal secchio della pittura. Con questa pratica eviterete di sgocciolare vernice e sarà più facile da stendere sulla parete.

Per ovviare a questo problema è anche molto utile l’utilizzo della retina, per eliminare la vernice in eccesso prima dell’applicazione.

 

Dipingere le piastrelle nella doccia da professionista

In questo esempio di lavoro che stiamo per illustrarti dipingiamo le piastrelle di una doccia, uno degli spazi più umidi dei bagni in generale.

L’attenzione di questo lavoro infatti si rivolge soprattutto a prevenire e scongiurare problemi di umidità che colpiscono questo spazio dell’abitazione.

Il bagno di casa infatti è uno dei luoghi dove il vapore e l’umido sono più presenti, specialmente se la stanza è cieca o scarsamente areata.

Per questo motivo abbiamo riservato per te dei consigli preziosi, per evitare che l’umidità rovini il lavoro fatto e per ottenere un risultato professionale.

 

Come eseguire la verniciatura delle piastrelle

Come per ogni lavoro, prima di tutto è necessario coprire tutto ciò che non deve essere verniciato e procurarsi i dispositivi di protezione necessari.

Una volta che la preparazione iniziale sarà completata potremo pulire le piastrelle da dipingere, per rimuovere ogni traccia di polvere o residui dalla superficie. Per questa operazione abbiamo utilizzato il preparatore organico che ha anche la funzione di aumentare il grip della vernice. In questo modo migliorerà la presa della pittura sulle piastrelle del bagno.

Dopo 10 minuti il fondo sarà già asciutto e potremo iniziare con la fase di finitura.

Il prodotto che stiamo utilizzando è da applicare con una soluzione bi-componente, che sarà mischiato con rapporto 5:1.

Utilizzare un pennello per caloriferi per riempire gli angoli e le zone strette, mentre per eseguire il lavoro ci serviremo di un normale rullo.

Stendere una prima mano e lasciare asciugare, dopo di che si può procedere con la seconda. Per ottenere un risultato perfetto il nostro consiglio è quello di pitturare le piastrelle con rullate lineari dal basso verso l’alto.

Vuoi un esempio pratico di come pitturare le piastrelle del bagno? Ecco un nostro video dove spieghiamo come fare:

 

Dipingere un bagno senza piastrelle

Se il bagno che hai deciso di rinnovare non ha piastrelle da pitturare, o se hai deciso di toglierle, non c’è nessun problema.

Le ultime tendenze in fatto di arredamento infatti si stanno orientando anche in questa direzione. Motivo per cui in commercio si trovano diversi prodotti adatti a pitturare pareti di ambienti umidi come il bagno.

 

Metodo di verniciatura di un bagno senza piastrelle

Per iniziare occorrerà preparare un fissativo super traspirante, che garantisca tenuta e mantenimento della vernice.

Quello che utilizziamo noi solitamente è composto da:

  • 3 parti di fissativo isolante per interni;
  • 2 parti di idropittura traspirante;
  • 3 parti di acqua.

Per stenderlo utilizziamo un rullo medio, aiutandosi sempre con la retina, e lo applichiamo su tutta la parete che andremo a dipingere con passate lineari.

Dopo 24 ore il fondo sarà asciutto e potremo procedere con la verniciatura.

Per questa fase noi abbiamo optato per una pittura decorativa metallizzata, che darà un risultato effetto spatolato resistente e lavabile. Occorrerà diluire la vernice con un rapporto del 5%, quindi per 5 litri di pittura andranno aggiunti 0,25 litri di acqua.

Per imbiancare useremo un pennello medio (misura 3×10) con il quale daremo due mani. La prima libera, facendo però attenzione a non dare pennellate troppo lunghe, mentre la seconda richiederà una manualità del polso più raffinata.

In questo modo si evidenziano i tratti della vernice e si contribuirà ad un effetto finale migliore.

Vuoi un esempio pratico di come pitturare un bagno senza piastrelle? Ecco un nostro video dove spieghiamo come fare: