Quale rullo usare per pitturare muri e soffitti: tecnica e consigli

Quale rullo usare per pitturare? Questa domanda di solito segue le due più frequenti che emergono quando si decide di verniciare una parete, ovvero:

• Come si imbianca con il rullo?
• È davvero necessario spaccarsi la schiena?

È giunto il momento di mettere da parte i dubbi e le incertezze!
Dopo che avrai letto questa guida per pitturare con il rullo, saprai farlo come un professionista.

Imbiancare una parete o un soffitto può sembrare un lavoro semplice, nonostante la fatica, ma nasconde diverse insidie che possono rovinare il risultato finale.

Per questo ti sveleremo i trucchi del mestiere che noi di MG Tinteggiature utilizziamo ogni giorno nei nostri lavori nella provincia di Bergamo e Milano.

Preparati a usare il rullo giusto per pitturare in modo semplice, pulito e a ottenere un risultato finale perfetto. Iniziamo!

 

Quale rullo usare per pitturare: Come scegliere

Scegliere quale rullo usare per pitturare può mettere in difficoltà a causa del grande ventaglio di opportunità che il mercato offre.

L’invenzione del rullo per pittura ha semplificato molto il lavoro degli imbianchini, permettendo di eseguire i lavori su pareti ampie con maggiore velocità.

Infatti è molto più facile da usare rispetto ai tradizionali pennelli da muro. Il rullo permette di stendere la pittura in modo omogeneo e di raggiungere facilmente i punti più alti della parete grazie alle aste allungabili.

Per eseguire un lavoro sui muri interni noi consigliamo un rullo a pelo medio, che si adatta meglio al nostro scopo. Un pennello a pelo corto sarebbe più consigliato sul cartongesso o su superfici estremamente lisce, mentre uno a pelo lungo si presa meglio per l’esterno.

Inoltre sarebbe meglio orientarsi su dei rulli con setole sintetiche, piuttosto che su quelle naturali, perché garantiscono una maggiore durata senza rinunciare alle prestazioni.

 

Come pitturare con il rullo: i segreti del mestiere

Ora che sappiamo quale rullo usare per pitturare le pareti interne e quali colori utilizzare, rimane solo da capire come usarlo nel migliore dei modi.

Nella nostra lunga esperienza abbiamo avuto modo di scoprire tutti i segreti del rullo da pittura: piccoli accorgimenti che fanno la differenza.

Innanzitutto la preparazione della stanza: ricordati sempre di coprire con dei teli tutto ciò che non deve essere imbiancato. In questo modo potrai lavorare in tutta tranquillità, senza aver paura di sporcare o rovinare nulla.

Dopodiché potrai concentrarti sulla fase di carico della pittura, un momento molto delicato, che richiede un certo grado di attenzione.

Prendi il secchio della vernice, dove inserirai la griglia di scolatura e inizia a intingere.
Il rullo non deve essere immerso completamente nella vernice, ma deve solamente appoggiare sulla superficie.

Molti fanno l’errore di inzuppare completamente il rullo, in questo modo sarà molto probabile la formazione di sgocciolamenti e sbavature. Il lavoro da fare invece è quello di intingere nella pittura solo le estremità del rullo e poi strizzarlo sulla griglia finché sarà carico al punto giusto.

A questo punto si potrà alzare il rullo verso la parete o il soffitto. Ma prima è buona norma far roteare la pertica su se stessa, per eliminare del tutto gli sgocciolamenti.

 

Come imbiancare con il rullo i soffitti

Per pitturare i soffitti con il rullo è fondamentale misurare bene la quantità di vernice incorporata, perché il rischio di sgocciolamento è maggiore.

A questo punto si partirà a pitturare dal bordo del soffitto, scorrendo linearmente verso il centro della stanza.
Il punto di partenza è molto importante sia per la prima mano che per la seconda. Ora vi spieghiamo perché:

Quando si pittura un soffitto, bisogna tenere in considerazione la disposizione delle finestre in una stanza. La luce che entra infatti tenderà a evidenziare gli errori compiuti in fase di verniciatura.

Per questo motivo consigliamo di dare la prima mano verso la luce e di passare invece la seconda controluce. In ogni caso è importante seguire sempre lo stesso verso e non variare le passate.
Se vuoi farti un’idea più chiara di questo passaggio, dai un’occhiata al nostro video esplicativo.

Come imbiancare con il rullo i muri

Per imbiancare un muro verticale con il rullo è sempre necessario fare attenzione alla quantità di vernice raccolta dal secchio. Anche qui utilizzare la griglia e la rotazione per rimuovere gli eccessi e poi avvicinarsi alla parete.

In questo caso il consiglio è di partire dal basso e procedere a stendere la pittura verso l’alto. In questo modo le cocce di colore saranno recuperate e stese sulla parete senza segni evidenti.
Procedere sempre seguendo lo stesso senso fino a quando la parete non sarà conclusa. Quando la vernice sarà asciutta si potrà procedere con la seconda mano.
In questa fase è buona abitudine tracciare i contorni della parete con un pennello, in modo da delineare i confini di lavoro.
Questo serve per evitare di dover arrivare con il rullo fino al bordo, rischiando di sporcare le superfici confinanti.
Si procede sempre dal basso verso l’alto linearmente, in questo modo si otterrà un risultato perfetto.

Pittura a rullo: bilanciare la densità della vernice

Se decidi di imbiancare con il rullo, lo strumento che utilizzi non è l’unico accorgimento che ti permetterà di ottenere un risultato professionale.

Anche la pittura vuole la sua parte, per questo è bene scegliere una vernice adatta e la densità deve essere giusta.
Se sarà troppo densa si farà fatica a stenderla uniformemente, mentre se sarà troppo liquida si formeranno le colature.

Bisogna fare quindi attenzione a aggiungere il giusto quantitativo di acqua e nel frattempo usare un bastone o la griglia per mescolare. Versane un bicchiere alla volta, fin quando non otterrai la densità ideale.

Vuoi una dimostrazione visibile di come si presenta la vernice quando è pronta da essere applicata? Dai un’occhiata questo video.

Posizione corretta per pitturare con il rullo

Uno dei maggiori problemi che sorgono quando si pittura a rullo è il mal di schiena. Per evitarlo è bene conoscere la posizione corretta da assumere quando si imbianca, specialmente per i soffitti.

Il movimeneto che si compie è innaturale e costringe a tenere sempre le braccia in movimento. Quando queste si stancano la tendenza è quella di caricare il peso sulla colonna vertebrale, facendo ancora più fatica.

Per questo motivo il nostro consiglio è quello di mantenere una posizione dritta, facendo peso sulle gambe e tenere la pertica orizzontalmente. Non bisogna farla scorrere in avanti e indietro, ma va fatta scorrere da destra a sinistra, in modo da bilanciare meglio il peso del rullo.

Non promettiamo che il giorno dopo non ci saranno acciacchi, specialmente per chi non è allenato, ma si eviteranno spiacevoli dolori da contratture o infiammazioni.

Seguici per altri consigli di lavoro fai da te o Contattaci se hai bisogno dei nostri servizi.